SOMMARIO

progetto-manager---febbraio-2020---reazione-a-catena

Progetto Manager FEBBRAIO 2020 Numero 58

Reazione a catena

L’economia globale è chiamata a reagire all’emergenza coronavirus e alla conseguente crisi del mercato cinese.
Progetto Manager prova a chiudere il cerchio su una situazione in continua evoluzione

Icona-Post-Sommario

Tecnologie, smart working e capacità di crisis management per mantenere l’Italia competitiva ai tempi del coronavirus

Icona-Post-Sommario

Produrre meglio, non meno. Il ruolo dei manager per dare nuovo ossigeno alla nostra economia

Icona-Post-Sommario

Tutte le misure adottate dal gigante asiatico per reggere all’impatto economico del coronavirus e non disattendere le aspettative di crescita

Icona-Post-Sommario

Nonostante sia stata creata una task force continentale, sono soltanto 20 i paesi africani in grado di effettuare test diagnostici del Covid-19. È a rischio un sistema già fragile, fortemente dipendente dall’economia cinese

Icona-Post-Sommario

Il XXI secolo non sarà il secolo cinese, anzi. La Cina entrerà presto in una crisi molto profonda, predice il professor Giulio Sapelli in questa intervista senza filtri in cui non risparmia critiche a Pechino

Icona-Post-Sommario

Voce a due top manager italiani: come stanno affrontando gli effetti del coronavirus sul loro business, influenzato dalla crisi cinese

Icona-Post-Sommario

L’allarme sanitario rischia di minare la stabilità delle istituzioni Ue. In discussione finanziamenti, maggiore flessibilità per i conti pubblici dei paesi colpiti e misure di agevolazione fiscale

Icona-Post-Sommario

Con Matteo Matarazzo della Cec, l’organizzazione che rappresenta un milione di manager europei, affrontiamo il fenomeno coronavirus dalla prospettiva comunitaria

Icona-Post-Sommario

Export manager e manager per l’internazionalizzazione sono le due figure di supporto alle Pmi nel percorso di globalizzazione. Con competenze simili, ma obiettivi diversi

Icona-Post-Sommario

Un retaggio culturale che ci lega alla “scrivania” come elemento di stabilità e sicurezza ha impedito la diffusione dello smart working. L’emergenza coronavirus ha rotto gli schemi