23

3 ottobre 2018: cronaca di una giornata particolare

Per far fronte alla Quarta rivoluzione industriale, le imprese stanno progressivamente orientando i modelli organizzativi e di business verso strategie che enfatizzano il ruolo delle risorse umane e della managerialità.

Questo è il contesto che è stato approfondito durante l’incontro di presentazione dell’Osservatorio Mercato del lavoro e competenze manageriali di 4.Manager , il 3 ottobre 2018 in Confindustria. «Gli ultimi dati Eurostat – ha spiegato Stefano Cuzzilla, presidente di 4.Manager e di Federmanager – ci dicono che la produttività del lavoro italiano è cresciuta del 4% contro una media Ue del 10,5%. La produttività del lavoro tedesco corre tre volte più veloce della nostra. Significa che avanziamo, ma ancora troppo lentamente».

Da qui, la scelta di mettere in campo un nuovo strumento, l’Osservatorio voluto da Confindustria e Federmanager per favorire l’incontro tra i fabbisogni reali delle imprese e l’offerta di competenze manageriali. «È fondamentale trasferire al sistema produttivo italiano i modelli di lavoro manageriale emergenti, per favorire la crescita socio-economica del Paese», ha indicato Cuzzilla.

Sono infatti cambiate le regole del gioco: oggi, si sta diffondendo la consapevolezza che la scelta di puntare su manager e competenze è un plus per rispondere alle esigenze del mercato. La grande attenzione e partecipazione degli oltre duecentotrenta autorevoli rappresentanti del mondo dell’industria e del management presenti all’evento, sono la conferma dell’importanza dell’alleanza tra imprese e manager, fondamentale per vincere la scommessa dell’innovazione.

L’Osservatorio voluto da Confindustria e Federmanager nasce per favorire l’incontro tra i fabbisogni reali delle imprese e l’offerta di competenze manageriali

I manager possono rappresentare i principali “motori” operativi, organizzativi e creativi della transizione digitale, per essere al fianco delle imprese e, nello stesso tempo, la loro finestra sul mondo.

«Le imprese del futuro – ha sottolineato il Presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia – saranno ad alto valore aggiunto, alta intensità di capitali, alta produttività e dovranno essere eccellenti in ogni funzione aziendale. In questa ottica appare evidente l’importanza di poter contare su manager competenti e completi, capaci di far compiere alle nostre imprese il salto di qualità e di taglia indispensabile per competere alla pari sui mercati internazionali con concorrenti sempre più attrezzati».

Boccia e Cuzzilla hanno così rafforzato l’importanza della missione principale di 4.Manager: sviluppare la bilateralità sulle fondamenta dei dati oggettivi e della comprensione analitica, per agganciare opportunità che si tradurranno in progetti concreti per manager e imprese. Per viaggiare tutti insieme nella stessa direzione.